Diagnosi differenziale in fisioterapia, approccio clinico e strumentale

Se cercavi un altro corso, vedi la homepage // Per restare aggiornato sulle nostre iniziative iscriviti alla Newsletter (clicca qui)

  • Date: Ci sono attualmente 3 edizioni di questo corso:
    • 20 maggio 2017, Jesi (ANCONA)
    • 27 maggio 2017, riedizione PARMA
    • 3 giugno 2017, ROMA
    • 30 settembre 2017, VERONA
  • Destinatari: Fisioterapisti
  • Modalità di iscrizione:
    • Premi il pulsante"Registrati" nel modulo online disponibile in fondo a questa pagina
  • Accreditamento: 8 crediti ECM

Il corso è finalizzato a fornire competenze specialistiche per effettuare uno screening altamente sensibile sulle disfunzioni del paziente e sulle deviazioni dalla media del soggetto sano. Questo consentirà al fisioterapista di proporre immediatamente al paziente un piano di trattamento per priorità finalizzato al recupero e mantenimento delle diverse condizioni di salute che emergeranno.

La sessione inedita sulla diagnosi differenziale in fisioterapia fornirà un sistema di ragionamento clinico funzionale a differenziare clinicamente e mediante test speciali le più comuni condizioni neuro-muscolo-scheletriche di cui è affetto il paziente.

Nella sessione dedicata all'esaminazione strumentale, i partecipanti acquisiranno conoscenze e competenze sulle funzioni degli esami strumentali, a partire dal filo a piombo alle acquisizioni fotografiche, l'uso del podoscopio, delle pedane stabilometriche baropodometriche e di quelle di forza

Dr. Simone Patuzzo

Ideatore del corso completo "Diagnosi Differenziale in Fisioterapia©" di cui ha tenuto sino ad oggi 22 edizioni e di cui l'attuale programma in 1 giornata è una versione abbreviata focalizzata sull'integrazione tra esame clinico e strumentale.

  • Diploma Universitario di Fisioterapista, conseguito con punti 103 su 110 in data 11 novembre 1999 presso il Corso di Diploma Universitario in Fisioterapista dell’ Università degli Studi di Verona con tesi sperimentale dal titolo “Modificazioni dell’eccitabilita’ corticale durante il recupero funzionale nei pazienti con stroke”;
  • Laurea in Fisioterapia, conseguita con punti 110 su 110 e la lode in data 25 marzo 2003 presso il Corso di Laurea in Fisioterapia dell’Università degli Studi di Padova con tesi sperimentale dal titolo “Modificazioni dell’eccitabilità del sistema motorio durante l’osservazione degli atti motori e nel motor imagery”;
  • Titolo di Formazione Avanzata in Terapia Manuale “Arti inferiori, Bacino e Rachide Lombare”, Anno Accademico 2002-2003. Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Genova in collaborazione e con i docenti della libera università di Brussel (http://www.vub.ac.be/), con tesi dal titolo “Gli effetti della terapia manuale sul sistema nervoso autonomico”;
  • Master in Riabilitazione dei Disordini Muscolo-Scheletrici, Anno Accademico 2003-2004.
  • Master in Riabilitazione dei Disordini Muscolo-Scheletrici, Facoltà di Medicina e Chirurgia, Università degli Studi di Genova in collaborazione e con i docenti della libera università di Brussel (http://www.vub.ac.be/), con tesi dal titolo “Gli effetti della terapia manuale sul sistema nervoso autonomico”
  • Master in Open Distance Learning Anno Accademico 2008-2009. Università degli Studi di Macerata, Udine e Urbino con tesi dal titolo “Distance learning in physical therapy”
  • Master OMT Università degli Studi di Zaragoza (Spain).

Massimo Lillia Perito elettronico - Docente da oltre 30 anni presso I.T.I. “A. Malignani” di Udine (cattedra di laboratorio di elettronica, informatica e telecomunicazioni) – Docente presso l'Istituto “Enaip” di Udine come libero professionista e consulente esterno (corsi su microprocessori, disegno elettronico, PLC) – Docente presso l'Università di Parma (Corso di Laurea in Scienze delle attività Motorie anno 2012- 2013). Presso la propria azienda si occupa di progettazione, sviluppo, produzione, commercializzazione e certificazione di apparecchiature hardware e software nell'ambito medico; organizzazione e realizzazione di corsi teorico-pratici; formazione e aggiornamento di personale sanitario e biomedicale.

Sessione del mattino

Orario: 9-10,30 e 10,45-12,30

Argomento: Valutazione posturale

Relatore principale: Massimo Lillia

  • Descrizione degli strumenti piu' utilizzati in ambito di analisi posturali: filo a piombo, acquisizioni fotografiche, podoscopi pedane stabilometriche, pedane baropodometriche, pedane di forza ecc
  • Utilizzo di tali dispositivi per la valutazione nell'utilizzo di plantari (solette proprocettive, plantari su misura, plantari standardizzari ecc)
  • Concetto di stabilogramma, concetto dell'analisi nel tempo ecc, analisi del "gomitolo" analisi dell'ellisse di confidenza analisi di Fourier nel tre assi dello spazio
  • Importanza della certificazione di un dispositivo medico (descrizione nuova norma CEI 62.236 per i dispositivi di misara del carico pressorio)
  • Pratica clinica con l'ausilio delle strumentazioni

Sessione pomeridiana

Orario: 13,30-15,30

Argomento: Diagnosi Differenziale in Fisioterapia ©

Relatore : Simone Patuzzo

  • Cenni di biomeccanica del piede e correlazioni con l’arto inferiore
  • Importanza dell’articolazione sub talare e del primo raggio in relazione con le altre articolazioni del piede e dell’arto inferiore
  • Valutazione statica e dinamica dell’arto inferiore ed esame della camminata (pratica)
  • Trattamento del piede tramite ginnastica, mobilizzazioni, ortesi plantari ed esercizi propriocettivi con stimolazioni multisensoriali (pratica)
  • Trattamento delle principali patologie di piede, ginocchio e anca in terapia manuale (Problematiche femoro-rotulee , tendiniti, fasciti, metatarsalgie etc)
  • Scelta ed utilizzo di ortesi plantari preconfezionate

Chiusura lavori prevista per le ore 18,00

Provider nazionale ECM STANDARD n. 412